nucleare-iran-iran-zarif

IRAN, ACCORDO SUL NUCLEARE. ECCO COSA TROVEREMO NEL TESTO FIRMATO A VIENNA

L’intesa di base era stata raggiunta a Losanna il 2 aprile scorso. Ora il testo firmato dovrà essere recepito con una risoluzione Onu –

L’accordo sul nucleare iraniano non è perfetto ma c’è.,il compromesso si è giocato tutto nei dettagli. I nodi da risolvere erano in particolare sui tempi e sui meccanismi per un’eventuale reintroduzione delle sanzioni e poi l’embargo sulle armi convenzionali e sui missili, di cui Tehran chiedeva la rimozione immediata.

 L’entrata in vigore dell’accordo, secondo fonti americane, dipenderà dai passi avanti dell’Iran nella limitazione del suo programma nucleare. Secondo fonti iraniane, occorreranno circa sei mesi. Le misure previste da entrambe le parti (cioè le limitazioni del programma nucleare di Teheran da una parte e l’alleggerimento delle sanzioni dall’altra) troverebbero dunque applicazione nella prima metà del 2016. Da fonti diplomatiche, l’Iran ha accettato il principio di un ritorno alle sanzioni entro 65 giorni se dovesse essere accertata una sua violazione del trattato.

La road map concordata dai Paesi del 5+1 (Cina, Francia, Germania, Regno Unito, Russia e Stati Uniti) con l’Iran dopo circa venti mesi di negoziati è destinata ad entrare nella storia;   sarà probabilmente anche uno dei risultati più importanti della presidenza Obama in termini di politica estera. Sullo sfondo la questione regionale. La minaccia dell’Isis da un lato e le preoccupazioni di Israele dall’altro. L’Iran e l’Aiea, l’Agenzia internazionale dell’energia atomica, hanno dunque sottoscritto una tabella di marcia per far chiarezza sulle questioni sospese del passato e del presente relative al programma nucleare iraniano.